Navigazione veloce

I.C.S. Leonardo Da Vinci

L'Istituto Comprensivo di Castel di Iudica è nato nell'anno scolastico 97/98 in base alla Legge 97/94 che istituì le "scuole verticali" sui tre ordini di scuola di base. Oggi è rappresentato dal Dirigente Scolastico Reggente Prof. Giuseppe Calleri già Dirigente dell'Istituto Comprensivo "G. Verga" di Scordia.

L’I.C.S. “Leonardo Da Vinci” di Castel di Iudica è un Istituto che comprende in verticale tre scuole di ordine diverso (da quella dell’Infanzia a quella Secondaria di primo grado). Dall’anno scolastico (2012/2013) anche la Direzione Didattica di Raddusa, con le scuole Secondarie di primo grado, dell’Infanzia e le scuole Primarie di via Martiri d’Ungheria, è entrata a far parte dell’Istituto Comprensivo. (school)

Telegram

telegramL'Istituto Comprensivo "L. da Vinci" ha attivato il proprio canale su Telegram (è un'app di messaggistica focalizzata sulla velocità e sulla sicurezza che può essere installata su smartphone, ma anche sul personal computer https://telegram.org/). Una volta installata l'app, basta cliccare su questo link  https://telegram.me/icsdavinci e dopo cliccare su Unisciti.

Museo Archeologico Digitale

- E' on-line il sito web MAD

Museo Archeologico Digitale di Castel di Iudicarealizzato da alunni, docenti ed esperti per la valorizzazione del locale.

"...Invito ad interessarsi ai musei in generale, per giovani e meno giovani. Invito, in particolare, al Museo Civico Archeologico “Prospero Grasso” di Castel di Iudica, che come tutte le perle che si rispettino è nato dentro un’ostrica.."

P.O.N. 2014/2020

"Il nuovo PON sarà l'acceleratore delle politiche educative del nostro Paese. Oggi si lancia uno strumento che permetterà ai grandi cambiamenti che abbiamo messo in atto con La Buona Scuola di dispiegarsi in pieno nel territorio", ha dichiarato il Ministro Stefania Giannini. "Il Programma 2014-2020 conta su risorse imponenti che dobbiamo assumere come indicatori di responsabilità politica e amministrativa. Abbiamo 3 miliardi di finanziamento, a cui si aggiungono i 16 miliardi previsti dalla Buona Scuola nel prossimo settennio. Sono risorse con cui potremo fare politiche efficaci ed efficienti sulla scuola", ha aggiunto Giannini. Il nuovo PON "presenta un'importante novità: riguarderà, pur con gradazioni diverse e proporzionali al livello di sviluppo delle regioni, tutto il territorio nazionale. Questo ci consentirà di agire sul Paese nella sua interezza". Lo stanziamento previsto (1 miliardo in più rispetto al PON precedente) consentirà di coinvolgere circa 3 milioni di studenti, 200.000 adulti, 250.000 fra docenti e membri del personale della scuola e quasi 9.000 istituti scolastici. Circa 2,2 miliardi sono finanziati dal Fondo Sociale Europeo (FSE) e potranno essere utilizzati per lo sviluppo delle competenze chiave e delle competenze trasversali degli alunni, il potenziamento delle competenze dei docenti e del personale della scuola, l'integrazione degli studenti, l'alternanza scuola-lavoro, l'istruzione degli adulti, l'internazionalizzazione delle scuole. La parte restante dello stanziamento (circa 800 milioni) è finanziata dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale (FE SR) e servirà per intervenire sull'edilizia scolastica, sul potenziamento degli ambienti digitali e dei laboratori professionalizzanti, per favorire l'innovazione.

Prove Invalsi dei piccoli e GRANDI EMOZIONI...

"... mentre eseguivo la prova ce n'era una che non riuscivo a capire, era una ruota con dei disegni, in quel momento mi sentivo salire le calorie, ero molto agitata. Allora ho chiesto aiuto alla maestra, ma mi ha detto di rileggere la consegna e di osservare bene i disegni...."

"... la maestra Mariella ha consegnato le prime prove invalsi - vere - e io ero un pò nervosa. Nella prima prova si dovevano leggere le parole nel riquadro e mettere una X nel disegno giusto ..."

Con l'autorizzazione del D.S., sono di seguito pubblicate le emozioni espresse "a caldo" dai bambini della seconda elementare inerenti le "fatidiche" Prove Invalsi!!  Clicca qui....

Parlo la tua lingua

La presenza nelle Istituzioni scolastiche italiane di un numero sempre crescente di alunni provenienti da famiglie di lingua materna non italiana pone di fronte a problematiche di comunicazione che devono essere risolte in maniera semplice ed organizzata, per garantire a ciascun alunno di realizzare il dettato costituzionale del proprio diritto all’istruzione e consentire alla Scuola di utilizzare strumenti idonei a favorire il processo di accoglienza ed integrazione di tutti gli alunni.

Parlo la tua lingua”, attraverso le tecnologie dell’informazione, propone a tutte le istituzioni scolastiche una raccolta di modelli per la comunicazione tra la scuola e la famiglia, con lo scopo di agevolare la piena integrazione degli alunni di lingua madre non italiana. Vai al sito

News

2 dic 16 - Linee guida per l’attuazione della Direttiva 36/2016 sulla valutazione dei dirigenti scolastici

scheda_tecnica_obiettivi_as_2016_17

Titolo: scheda_tecnica_obiettivi_as_2016_17 (3 clicks)

Etichetta:

Filename: scheda_tecnica_obiettivi_as_2016_17.pdf

Dimensione: 371 kB

1 dic 16 - Carta del Docente

nota-3563-del-29-novembre-2016-carta-del-docente-istruzioni-operative-istituzioni-scolastiche-1
L’accesso avviene utilizzando le credenziali SPID ottenute mediante registrazione a uno dei 4 siti che offrivano l’identità digitale.
In anteprima vi mostriamo la procedura passo passo per accedere al sito https://cartadeldocente.istruzione.it/ tramite lo SPID di PosteID
Per la vostra sicurezza il sito segnala con email ogni accesso e in alcuni casi chiede un doppio codice otp (quindi […]

1 dic 16 - Rettifica circ. n.30 – Consigli di Classe Raddusa

Si informa che l’ordine dei consigli di classe viene invertito come segue:
06/12/2016     3C + corso A
12/12/2016      corso B

Tutte le news...

Ultime circolari

Tutte le circolari...

Prossimi eventi

  • Nessun evento.